Questo Blog è di MASSIMO PERINELLI, e si propone come completamento del suo sito www.ilgiardinodizarathustra.it, sempre dunque come confronto sui diversi temi del vivere sociale. Qui sono trattati sempre gli stessi argomenti proposti dall’autore, ma con una diversa condizione emotiva e d’azione, un’immediatezza che nasce da un pensiero, o una riflessione concisa, rapida che è immediatamente condivisa con i lettori e con loro discussa, o ignorata. È probabilmente un “nuovo” tentativo che nasce da uno stato di profonda “disperazione”, una crisi di fiducia sulle possibilità di rendere reversibile quella veloce decadenza che ha portato all’estinzione di un Mondo che confidava sull’Idea di Utopia. In fondo solo un grido muto, segno tangibile di una dignità solitaria.

venerdì 4 marzo 2016

PICCOLA RIFLESSIONE SULL'AMORE

Qualche giorno fa, senza volerlo, mi è capitato di ascoltare una conversazione. Ero seduto su un autobus delle linee urbane, non era affollato e il percorso da compiere era piuttosto lungo. C’era un posto libero accanto a una signora né bella né brutta, normale, intorno ai cinquant’anni probabilmente. Parlava al telefono tenendo la testa bassa, la voce non era forte, rabbiosa, ma piuttosto adeguata alla situazione intorno, solo che, per forza di cose, considerata la vicinanza, ho potuto ascoltare uno “sfogo” che mi ha incuriosito; ho capito che stava parlando con la Madre della particolare situazione che stava vivendo: separata, due figli, il marito, a suo dire, si stava comportando molto male, i ragazzi risentivano di questo brutto clima e ne soffrivano, poi tutta una seria di emozioni e dispiaceri che sono classiche di queste tragiche circostanze. Lì per lì non ho dato valore all’evento, ricordo solo di aver pensato alcune cose in riferimento ai sentimenti, nient’altro. La stessa sera però, fatalità, mi è capitato di vedere un film già in passato più volte visto, ma che è sempre un piacere rivedere per i particolari che si possono apprezzare alle successive visioni. Il film si intitola “Qualcosa è cambiato”, uscito nel 1997, con la regia di James L. Brooks, interpreti Jack Nicholson, Helen Hunt e Greg Kinnear, un film che consiglio vivamente di vedere a chi ancora non ne ha avuta l’occasione.
Dunque, nell’approfondirlo per l’ennesima volta mi sono rimaste in mente, ossia ho estrapolato dalle conversazioni, due frasi che “Melvil”, il personaggio interpreto da Nicholson, rivolge a “Carol” il personaggio interpretato dalla Hunt. La prima frase più o meno diceva così: “Mi fai venire voglia di essere un uomo migliore.” La seconda frase, più lunga e articolata, ma il senso tuttavia era questo: “Mi chiedo come le altre persone non riescano a vedere che sei la donna più straordinaria che esista.” Queste due considerazioni sono sintomo di uno stato d’animo classico, piuttosto conosciuto, che è l’Amore fra un uomo e una donna. Il film, per me, contiene un errore, queste frasi sono bagaglio dell’Amore, e i due protagonisti si conoscono da poco, quindi fra loro può esserci “innamoramento” che ha meccaniche e sintomi diversi. Tuttavia non è questo il punto, il punto è che il regista evidentemente conosce l’Amore e sa quali sono le sue caratteristiche dinamiche. Al termine del film, in un primo momento non so bene perché, mi era venuta in mente l’esperienza del mattino, la signora che parlava male del marito con sua Madre; non riuscivo a capire cosa potesse significare questo parallelismo.
Cosa poteva entrarci l’uno con l’altro?!
Il dubbio si è sciolto il mattino seguente, dopo un’ulteriore riflessione e un’illuminazione: la signora sull’autobus probabilmente non aveva mai amato suo marito, avrà creduto forse di amarlo, poiché se questo sentimento fosse stato vero, avrebbe dovuto, per forza di cose, essere nelle condizioni ricavate dalle due frasi di “Melvil”. Spiego meglio. Se l’Amore comporta fra le altre cose la “voglia di essere migliore” e la “sensazione che l’altra/altro è un essere unico e straordinario” come mai quando il sentimento finisce queste sensazioni terminano, o non era vero Amore, o l’altro era la persona sbagliata, quindi, lo stesso non poteva essere l’Amore vero.

Questa evidente, palese contraddizione non è avvertita affatto da chi crede di “amare” o “aver amato” davvero, hanno la sensazione che è o fosse nel loro cuore, ma se è o fosse stato autentico non sarebbe finito, se è finito non era. Da ciò ricavo che la stragrande maggioranza delle persone in realtà dell’Amore ne sanno poco. Hanno forse sfiorato, o intuito al massimo quello che potrebbe essere, ma se non lo vivono allora per loro è una condizione del tutto sconosciuta, o da incontrare, se sono fortunate. Quindi, quanto tanti dicono: “Ho smesso d’amarlo/amarla”, in realtà hanno smesso di provare un’emozione diversa, certo piacevole, certo coinvolgente, ma certo uno pseudo, o più spesso un proto. Altra cosa che non riesco a capire come sia possibile che un Amore possa trasformarsi in rancore, o più spesso in odio: è impossibile! Se la donna/uomo che incontro sulla mia strada la ritengo “la più straordinaria che esista”, che mi coinvolge al punto da generare in me un’autocritica, una consapevolezza, uno stravolgimento tale da modellarmi in un Essere che ritengo “migliore”, com’è possibile che queste dinamiche si avviino in presenza di una persona che poi odierò, c’è qualcosa che non funziona. In realtà, come ho sempre detto, l’Amore vero è una “piccola morte” in quanto chi ne soffre accantona il suo istinto di conservazione, e in presenza di una possibilità di scelta, sceglie la sua di morte, piuttosto che veder morire la persona amata. Mi sembra strano, dunque, che la povera signora al telefono sull’autobus delle linee urbane, possa aver fatto questo tipo di considerazione e conseguente scelta estrema quando era accanto al suo Compagno, ora detestato; più facile che davanti a un tale dilemma avrebbe tentennato un istante, così da cancellare, in un batter di ciglia, ciò che pensava che fosse.