Blog di MASSIMO PERINELLI, scrittore, che ha come ambizione quella di suggerire la lettura di alcune delle sue opere letterarie, e con gli articoli di letteratura, politica, filosofia favorire discussioni sui diversi temi del vivere. Niente di più che un estremo tentativo nato da una residua fiducia nelle possibilità che hanno gli individui di comunicare. In fondo solo un "grido muto", segno di una dignitosa emarginazione.

domenica 17 marzo 2019

Androide



Volete sapere per quale motivo le Grete androide e le folle comandate a distanza anticambiamento climatico sono dei bluff? È presto spiegato, e con pochissime semplici argomentazioni.
Il cambiamento climatico sarebbe dovuto, secondo gli esperti, allo sfruttamento intensivo e sciagurato delle risorse della Terra. Mettiamo che questo sia vero. Lo sfruttamento cieco delle risorse della Terra è dovuto a un certo tipo di sviluppo che, senza dilungarsi troppo nel definirlo, possiamo chiamare capitalistico. Il sistema capitalista realizza la società dei consumi, che non è determinata dai bisogni reali, ma dal profitto che il capitalista ricava. Ora, se lo sfruttamento cieco è dovuto al capitale, per risolvere il problema dobbiamo combattere il capitale. Se non combattiamo il capitale significa che o non siamo consapevoli del Reale, o che vogliamo salvare “capra e cavoli”, oppure, che il capitale ha fiutato, da almeno trentanni a questa parte, che i profitti non solo si possono realizzare sporcando il mondo, ma anche ripulendolo, dopo che l’abbiamo sporcato. E in più, la storiellina dei cambiamenti climatici potrebbe essere solo una menzogna, che ha come scopo la vendita di prodotti che “inquinano” meno, poiché quelli che "inquinano" non vanno più? E se queste masse così consapevoli e sensibili sono così pronte ora a cambiare, a migliorare, a salvare, perché tempo fa sono state così ardimentose a demolire un’esperienza che avrebbe potuto davvero salvare il mondo dalla fine?
Ai posteri l’ardua sentenza.    

Nessun commento:

Posta un commento